Tag: linux

GiBiLamp, ovvero il web server a modo nostro

Eccolo! Finalmente! Il vademecum per realizzare un web server come GiBiLogic!

Durante questi anni la configurazione dei nostri web server si è evoluta, passando da soluzioni molto semplici e limitate a setup via via più sicuri, affidabili, performanti.

Abbiamo dunque chiesto al nostro Cesare di stendere una guida completa su come sono realizzati i nostri web server, perchè anche altri lo possano ripetere o anche solo per conoscere più a fondo il nostro servizio.

Nota: nelle questioni sistemistiche non è che ci sia molto da inventare: si tratta perlopiù di applicare un mix di tecniche e applicazioni note. Pertanto non reclamiamo nessuna originalità; ci saranno senz’altro molti altri server configurati in maniera simile – anzi, ce lo auguriamo, visto che la riteniamo una buona configurazione.

Partiamo quindi dall’introduzione, e poi prossimamente su questo blog pubblicheremo le altre parti.

Continua a leggere

Accesso a server linux in ssh tramite chiavi

Chiunque di voi abbia mai avuto bisogno di amministrare da remoto un server Linux avrà probabilmente usato il protocollo ssh. Grazie a questo protocollo è possibile infatti aprire una sessione di terminale “virtuale” e gestire il server da linea di comando, come se fossimo collegati localmente.

Per usare questo sistema, da una macchina linux è sufficiente l’omonimo comando

ssh

mentre su Windows possiamo usare il preziosissimo programma PuTTY.

Senza voler in questa sede approfondire tutte le funzionalità realizzabili tramite questo protocollo (che può anche fare da “tunnel” per altri tipi di accesso), vediamo come gestire l’autenticazione ssh tramite chiavi.

Continua a leggere

Comandi Linux da terminale

E’ uscita da poco su HTML.it una interessante guida relativa ai più importanti comandi che si possono usare in un terminale Linux (ma anche Unix, o Mac). Un buon sistemista non può infatti accontentarsi di conoscere tool grafici, soprattutto se stiamo parlando di server – sui quali spesso l’ambiente grafico non è installato.

La rapidità e la potenza di tali comandi è spesso un’arma importante nella risoluzione di vari problemi sistemistici. All’elenco riportato nella suddetta guida ne aggiungo alcuni.

ls

Il comando ls è l’abbreviazione di list, e si limita ad elencare il contenuto della directory indicata (se non ne indichiamo nessuna, si applica a quella corrente). La cosa interessante sono i numerosi parametri. Per quanto mi riguarda, uso spesso la forma

ls -lart

che mi mostra tutti i file – anche quelli nascosti – completi di tutti i dettagli ed ordinati per data di modifica con il più recente in fondo

find

Mentre locate cerca in un database, find è una ricerca “classica” nella cartella in cui ci troviamo. Il numero di criteri di ricerca tra cui possiamo scegliere è veramente ampio, ed è inoltre possibile specificare subito delle operazioni da applicare ai file trovati. Ecco solo tre esempi basilari:

  • find -mtime -1 trova tutti i file modificati nell’ultimo giorno
  • find -size +15M -printf “%s – %p\n” trova tutti i file con dimensione maggiore di 15MB e ne mostra la dimensione esatta
  • find -uid 101 trova tutti i file con proprietario l’utente con UID “101”.

alias

Il comando alias ci permette di creare una “scorciatoia” per un altro comando più lungo. Ad esempio, anzichè usare sempre “ls -lart” o “find -mtime 1”, potrei creare degli alias più brevi, tipo la e f1, per questi comandi:

alias la='ls -lart'
alias f1='find -mtime 1'

Questi alias durano finchè è attiva la nostra sessione di terminale. Per attivarli automaticamente ad ogni sessione, vanno inseriti nel file .bashrc presente nella propria home directory.

Impostare il locale corretto per Squirrelmail su Ubuntu

Squirrelmail è una delle interfacce di webmail più utilizzate in ambiente Linux o comunque su server che supportino il linguaggio PHP. In particolare, è la scelta di GiBiLogic come programma di webmail per la posta elettronica ospitata sui nostri server, con una elaborazione grafica particolare che permette di migliorare un poco l’aspetto di base, molto semplice per non dire grezzo.

E’ possibile installare il linguaggio italiano per Squirrelmail, ma se siete su server Ubuntu non lo troverete comunque tradotto. Vediamo perchè.

Continua a leggere

Skype, Ubuntu e il microfono

Solo una nota veloce, grazie a una incursione nei forum di Skype dedicati a Linux sono riuscito rapidamente ad attivare il funzionamento del microfono sulla mia Ubuntu 9.04. Il portatile è un Sony Vaio, la scheda audio una Intel HDA.

Fin dall’installazione, l’uscita audio funzionava correttamente (anche in Skype) ma l’ingresso non ne voleva sapere.

In precedenza avevo provato senza successo ad andare a toccare le configurazioni dell’audio del sistema Linux. Invece, a quanto pare, la soluzione è nelle opzioni audio di Skype, che devono essere impostate in maniera diversa dal default. Per me, ha funzionato la seguente configurazione:

  • Incoming Sound: HDA Intel (hw:intel,0)
  • Outgoing Sound: pulse
  • Calling: pulse

Ora, dopo qualche tempo di pausa, posso finalmente tornare a fare lunghe chiacchierate gratis con Skype. 🙂

Teaming, bonding, link aggregation: unire due o più schede di rete su Linux Ubuntu

In ambiente server Windows si parla generalmente di teaming relativamente alla configurazione di due o più schede di rete in modo che siano viste come una sola. L’obiettivo è ovviamente quello di raddoppiare la banda disponibile e garantire una maggior sicurezza, visto che se una delle due schede di rete ha problemi, c’è sempre l’altra.

Solitamente questa opzione viene gestita dai driver delle schede di rete, ed è abbastanza trasparente per l’utente finale, che non deve preoccuparsi di molto se non abilitare il flag corrispondente. E su Linux?

Continua a leggere